La graziosa frazione di Vimercate chiamata Oreno è nota ai più per un suo ortaggio speciale, la patata. Come saprete la patata è un tubero della pianta Solanum tuberosum facente parte della famiglia delle Solancee (come i pomodori, i peperoni, le melanzane). Le patate coltivate ad Oreno sono principalmente della varietà Kennebec, Albane, Bianchidea, Daytona.

Alcune fonti storiche accertate riferiscono della comparsa di questo prodotto nella zona individuata nella seconda metà de 1800, in seguito alla diminuzione delle superfici vitate, al punto da caratterizzare il paesaggio rurale locale. Fino agli anni ’30 vi fu una costante richiesta di prodotto, mentre dopo gli anni ’60 la coltivazione subì un forte declino a causa della guerra e dell’industrializzazione che erose spazi all’agricoltura.

A Oreno la semina delle patate avviene in primavera, mentre la raccolta comincia a settembre. Nell’area del Vimercatese tutte le patate prodotte si producono esclusivamente per uso domestico.

Dal settembre 1968 si tiene la Sagra della Patata, intitolata a questo prodotto dagli abitanti di Oreno. Nei paesi vicini infatti questo comune è conosciuto come il “paese delle patate”.

Le caratteristiche di queste patate le rendono particolarmente adatte alla preparazione di purè e gnocchi.

La ricetta classica degli gnocchi di patate:

Ingredienti e dosi per 6 persone
1000 g di patate farinose
250 g di farina
Sale
Noce moscata (facoltativo)

Preparazione
Mettere le patate ben lavate ma non pelate in acqua fredda non salata, lessarle senza che rimangano parti poco cotte, pelarle, passarle allo schiacciapatate.
Salare e, se vi piace, profumare con noce moscata.
Incorporare la farina e lavorare su un piano infarinato fino a ottenere un impasto compatto e consistente ma morbido.
Ricavare dei rotolini grossi quanto un dito da tagliare a pezzetti regolari che andranno fatti rotolare sulla farina sparsa sul piano di lavoro per evitare che si appiccichino.
Volendo, si può passarli a uno a uno sui denti di una forchetta o sul retro di una grattugia.
Deporre gli gnocchi su un canovaccio infarinato e lasciarli asciugare almeno un’ora.
Cuocere gli gnocchi gettandoli in acqua salata in forte ebollizione e ritirandoli con il mestolo forato a mano a mano che vengono a galla.

Patata di Oreno